Contenuto Principale
Ufita, Comunità Montana commissariata PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Martedì 25 Giugno 2013 08:01

Scade il tempo per la presentazione del bilancio e il prefetto diffida i vertici della Comunità Montana dell’Ufita. L’ente sovracomunale viene quindi commissariato. A gestire le sorti arriverà un commissario ad acta che dovrà controllare la documentazione e riavviare il percorso amministrativo. Sulla vicenda interviene l’ex presidente della comunità montana Giuseppe Solimine, attuale capogruppo dell’opposizione, per il comune di Trevico, che afferma: «E’ un fatto ormai noto che tutte le comunità montane abbiano problemi per una oggettiva mancanza di erogazione di fondi da parte della Regione.

Ma ci sono responsabilità non trascurabili degli amministratori, con in testa il presidente, perché, pur sapendo le difficoltà che attraversava l’ente e i problemi di copertura finanziaria, non si sono attivati per reperire le risorse. Al contrario – afferma l’ex presidente - sono state perseguite logiche di spesa alle quali non ho mai dato il mio assenso. Infatti mi sono sempre astenuto dal voto sul bilancio per mancanza di chiarezza. Tra l’altro questa giunta ha attivato illusioni sugli operai che non percepiscono stipendio da tredici mesi. Forse i controlli sul profilo contabile – aggiunge Solimine - andavano attivatati prima da parte della Regione che ha responsabilità dirette''. In buona sostanza per Solimine, se c’è stato commissariamento solo per la Comunità montana dell’Ufita significa che in questo ente c’è stato meno interesse politico e lungimiranza. Alla fine arriva la stoccata: «Oggi per dire la verità, gli amministratori di fronte ad una situazione del genere non avvertono nemmeno la necessità di dimettersi». Fin qui Solimine. L’ente deve fronteggiare ancora il bubbone della forestazione e del settore amministrativo. E la mancata rendicontazione dei Psr. Una situazione che diventa complicata soprattutto per chi aveva speranze lavorative e per chi aspetta invano la regolarizzazione di contratti. I sindaci attendono gli sviluppi della situazione prima di prendere contatti con il commissario. Altra tegola per il presidente ed alcuni amministratori sarà l’udienza fissata per il 19 luglio quando si dovrà discutere del rinvio a giudizio per abusi di atti di ufficio in merito alla assunzione a tempo determinato di 227 unità lavorative da inserire nel settore idraulico forestale.

Nota di Giovanni Maraia

Ariano in movimento

La nomina del Commissario ad acta ,per la mancata approvazione del bilancio consuntivo della Comunita'Montana Ufita ,e' la prova dell'inefficienza e della incapacità' del Presidente , della Giunta e dei dirigenti della CMUfita. Cio'significa che molte spese non possono essere giustificate e che sono stati distratti fondi pubblici. Il Commissario ad acta potra' , eventualmente,confermare tutti i nostri rilievi sull'uso illegittimo del denaro pubblico : dai finanziamenti centro  fieristico, alla gestione dei fondi per la forestazione, agli appalti per lavori di forestazione , all'acquisto di mezzi meccanici ecc ..Invitiamo il Commissario a voler informare di eventuali danni erariali e patrimoniali la Magistratura contabile. A questo punto e' doveroso che l'attuale giunta esecutiva e i dirigenti della CMUfita  si dimettano, così'  come e necessario che l'Assessore regionale all'agricoltura, titolare della delega alla forestazione  , vista la mancata presentazione da parte della CMUfita del rendiconto dei fondi i lavori idraulici forestali, nomini un commissario per questa inadempienza contabile . Inadempienza che nasconde altri pasticci
Giovanni Maraia Ariano in Movimento

Share
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ricerca / Colonna destra

Pubblicità

Banner
Banner
Ulti Clocks content

Meteo

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti all'uso dei cookie. privacy policy.

Io accetto i cookies per questo sito.